Food » 50 panino: dopo 50 kalò e la nuova pizza, ora Ciro Salvo prova con l’hamburger

50 panino

Viale Elena o Viale Gramsci (lo chiamerete diversamente se siete napoletani o non) è una strada molto elegante, in pieno centro, ma un pò defilata. Scommetto che da adesso ritornerà ad essere una strada trafficata e incasinata quanto basta. Perchè?

Perchè è qui che Ciro Salvo ha aperto 50 PANINO HAMBURGERIA, un nuovo progetto che nasce dal sodalizio con Alessandro Guglielmini, a poche centinaia di metri dalla ormai celebre pizzeria 50 Kalò. Andare in un pub dove c’è Ciro Salvo significa mangiare il miglior panino in circolazione, inteso proprio come pane, che ha una ricetta esclusiva e infatti è risultato buonissimo, fragrante, profumato, come confesso di non avere mai mangiato.

E poi le carni: queste sono quelle di Io Sono la Chianina, storica macelleria di Napoli che rifornisce il locale di chianina, maiale nero casertano, agnello e pollo biologico. Le carni sono scelte e prodotte secondo tempi “slow”: ogni hamburger viene infatti preparato solo 24 ore prima per lasciar risposare le carni tritate e solo alla fine procedere alla pressa del disco, in modo da preservarne tutta la freschezza.

Nei nostri assaggi abbiamo provato un buonissimo panino con maialino nero, friarielli e provola e un altro con hamburger di chianina e crema di parmigiana di melanzane. Sublimi entrambi, qualcuno ha detto sapidi, per me veramente saporiti.

Da stasera potrete assaggiare l’intero menu di 50 PANINO:  14 panini (incluso il Vegano) ma anche polpettine di Chianina, ribs di maialino nero, tartare di Chianina e carpaccio di manzo sotto sale. In carta anche due piatti cult di Ciro Salvo: la frittatina di bucatini e i crocchè di patate. Ad accompagnare il panino ci sono una serie di contorni napoletani – dalla parmigiana di melanzane ai peperoni al gratin – e le patate fritte tagliate al coltello e servite con fonduta di formaggi, sbriciolata di nero casertano e guanciale croccante.

50 panino è esattamente come uno si aspetta un locale BELLO: è lussuoso, ma non intimorisce, è elegante, ma non mette a disagio, c’è la cucina a vista ma non si sente alcun odore di cucina, i tavoli sono spaziosi, le sedie e le poltrone comode, le luci soffuse ma che illuminano. Il bancone del bar che ti accoglie, sul modello di quelli dei grandi alberghi e dei locali nystyle; tutto intorno frigoriferi invitanti con vini e birre artigianali (italiane, olandesi, irlandesi, belghe, inglesi, tedesche, francesi e americane), qualche champagne e spumanti del territorio.

Direte voi, ma tu invece di dilungarti sui panini parli a lungo del locale?

Sì, perchè oggi ci sono ottimi posti che fanno buonissimi panini da asporto, ma questo è super perchè ti fa sentire accolto, coccolato, e pensato in ogni dettaglio, da ciò che bevi al contorno che scegli. Il posto giusto, insomma, per avere un’esperienza gastronomica eccellente e non solo per mangiare un panino.

Potrebbe interessarti:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>