Food » BAROQ art bistrot- Un nuovo sincretismo cultural-gastronomico tra cibo napoletano e arte

baroq

Lavoro a Via Partenope da 10 anni e frequento Piazza Vittoria tutti i giorni, tutte le sere, forse da ancora prima. Un posto bellissimo: mitteleuropeo e napoletano insieme: una piazza grande, a ridosso della Villa, tra il salotto buono della città, le vie dello shopping e il mare.

Eppure, ad eccezione di Terrazza Calabritto, non c’erano locali di livello. Poi ha iniziato CrudoRe. Ha continuato Vincenzo Esposito con la sua pizzeria. Infine è arrivata la Masardona con lo street food. Cosa mancava ancora?

Un bistrot come Baroq, con la firma di Antonio Tubelli, che ha inaugurato ieri sera.

Un sincero in bocca al lupo! Allego il comunicato stampa e una promessa: andrò a provarlo presto!

In piazza Vittoria, a pochi passi dal lungomare di Napoli, apre Baroq art bistrot: un’esperienza nuova, che vuole coniugare lungo il fil rouge delle affinità elettive la gastronomia ed il buon bere con l’arte, dalla grande stagione del Barocco napoletano al contemporaneo.

baroq

Baroq non vuol essere solo una galleria, solo un bar e neppure solo un ristorante. È uno spazio che nasce nella convinzione di far vivere felicemente insieme mondi diversi ma ugualmente legati al passato culturale di Napoli, nel nome della qualità, della specificità e del valore della tradizione. Le mura sono quelle dell’antico Palazzo De Majo, commissionato nel XVIII secolo dalla famiglia De Majo a Ferdinando Sanfelice, al civico 6 di Piazza Vittoria. Gli spazi sono allestiti prendendo in prestito i materiali della terra partenopea, il tufo giallo e la pietra lavica, luce e ombre, i due volti di Napoli. Al centro del locale è stata recuperata una grata spalliera del XVII secolo in ferro e ottone dorato, elemento distintivo e quasi icona dello spazio che in passato ha ospitato una galleria di antiquariato.

In occasione dell’apertura del 6 dicembre Baroq ospita fino al 10 febbraio una mostra di Micco Spadaro, al secolo Domenico Gargiulo (Napoli, 1609/1612 – 1675), pittore e cronista nella Napoli del ‘600. Quattro i dipinti esposti. Completano la mostra immagini video che sottolineano alcuni dei più rappresentativi episodi di vita e cronaca napoletana del XVII secolo. L’esposizione, da taglio giornalistico, che attinge dalla produzione di uno dei più dotati fotoreporter ante litteram che la pittura ricordi, sarà il palcoscenico su cui vivere un’esperienza cultural gastronomica nuova e tutta da inventare.

All’insegna della grande tradizione classica partenopea è anche l’offerta di cucina del fuoriclasse napoletano Antonio Tubelli, cuoco di grande passione e lunga esperienza, l’ultimo monzù napoletano, come è stato definito per la sua cucina di memoria (i Monzù, trasposizione dialettale della parola francese monsieur, erano nei secoli XVIII e XIX i capocuochi delle case aristocratiche nel Regno delle Due Sicilie). ll menù à la carte offre piatti semplici, a volte dimenticati, della tradizione, contraddistinti dall’attenta ricerca stagionale delle materie prime locali, cucinati con estro e smisurata passione: lo scammaro, il pacchero ripieno, le tempure, solo per citare alcuni piatti che sono cifra stilistica della cucina di Tubelli con la chef Carmela Sabato.
La carta dei vini è varia e viene periodicamente rinnovata per potersi abbinare al meglio ai piatti proposti. La carta delle birre, esclusivamente artigianali, offre una vasta scelta di opzioni nazionali. Completano l’offerta di Baroq Art Bistrot la caffetteria, la sala da tè e un attrezzatissimo il cocktail bar: una straordinaria ricerca del resident barman Andrea Chiariello, con nuove tecniche di infusione ed estrazione degli zuccheri, affumicature ed aromatizzazioni, sempre fedele agli stimoli del territorio, propone cocktails classici e baroqtails di propria invenzione.

 

Baroq

Piazza Vittoria, 6

Tel. 08118671407

info@baroq.it
www.baroq.it

40 Coperti

 

 

Potrebbe interessarti:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>