Food » DA BURGER ITALY IL PRIMO TONNO DI MAIALE CAMPANO

burger italy

Poteva una curiosa come me non appassionarsi al “tonno di maiale campano”? Ovvero a un maiale talmente tenero e delicato da essere messo sott’olio e servito in un panino?

Certo che no!

Per questo andrò ad assaggiare e vi farò un fedele reportage del nuovo panino di Burger Italy, pub del Vomero che si contraddistingue per le scelte di qualità.

_k9a8749 _k9a8815 _k9a8965 _k9a8966

Il primo tonno di maiale tutto campano è servito. La presentazione lunedì a Napoli nel ristopub Burger Italy alle 13. L’idea è dell’imprenditore PietroDe Matteo, che ha ricreato con il macellaio Fabio Gaudino un piatto di antica preparazione toscana, che sembra tonno sott’olio, ma è a base di carne di maiale. I macellai del Chianti custodiscono la ricetta segreta e ci sono voluti due anni di studio, di assaggi e di prove per realizzare quello campano.  La carne, dopo essere stata a lungo marinata, speziata, cotta a bassa temperatura nel vino bianco e tagliata a filetti assume consistenza, colore nocciola chiaro, delicatezza, del tutto simili al tonno. Di qui il nome “finto tonno” o “tonno di maiale”.

Nel pub di Via Santa Maria della libera, verrà presentato anche il panino “special” con tonno di maiale, accompagnato da fagioli di Controne e cipolla di tropea, condito con pepe rosa e pepe nero, salsa guacamole realizzata con avocado campano.

“Il nostro obiettivo – spiega De Matteo – è portare in tavola la qualità, accompagnata a quella sana dieta mediterranea, che i miei chef mettono in ogni panino. Mi piace ravvivare i sapori un po’ dimenticati, che a volte sono messi in ombra dalle mode oltre oceano.

La particolarità di Burger Italy è che i cibi surgelati non sono contemplati. Infatti non ci sono congelatori, ma solo frigoriferi positivi. La spesa viene fatta quotidianamente e tra le materie prime spiccano le famose uova di galline livornesi di Paolo Parisi e le alici di Menaica.

Tra i piatti gustosi: la parmigiana al vaporea’ marenna con pane cafone farcito con i più diversi condimenti provenienti da presidi slow food, i panini “fai da te” che si possono preparare con sette pani diversi, le polpette con cacioricotta del Cilento.

Potrebbe interessarti:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>