Food » L’estate a Tenuta Ippocrate: Flavors of the Summer

flavors

Tenuta Ippocrate è un resort tra le vigne, che ti riconcilia con la natura, i fiori, la Bellezza.

Scorre l’acqua tra le terrazze, nelle belle fontane; si sente la musica del pianoforte.

Il giorno è stato caldo e invece l’Irpinia vicina si sente e la serata è fresca, piacevole, le tavole sono belle e curate, l’atmosfera è perfetta per dare il benvenuto ai profumi e ai sapori delle erbe aromatiche, “cucinate” nei piatti d’autore e “dedicate”  alle belle modelle, che sfilano sottolineando il connubio tra moda e food.

Scende la sera e ci rechiamo in terrazza per il benvenuto di salumi artigianali e formaggi della Cooperativa Agricola Pecorino Bagnolese di Bagnoli Irpino, tutti a latte crudo.

Iniziamo la cena ispirata alle erbe aromatiche: il benvenuto è un “Bacio di benvenuto” alla crema di formaggio irpino di capra, pomodori rossi semi-dried, gamberi scottati che valorizza l’ erba cipollina ed è dello chef Francesco Lama.

Nel frattempo, arriva la prima sfilata e l’acconciatura delle modelle, ad opera di Claudio De Martino hairstylist ha intrecciati rametti preziosi di erba cipollina.

L’antipasto è una deliziosa battuta di fassona dello chef dell’hotel Elisabetta di Lettere, dove pure eravamo stati in una serata di beneficenza: io adoro la carne cruda e trovo che questa sia buonissima, accompagnata da una cialdina croccante e da un olio profumatissimo.

Poi i due primi: il risotto e un cappellaccio alla Nerano, rivisitazione riuscita della pasta fresca che ricorda lo spaghetto.

Il risotto dello chef Sorrentino aveva una nota finale indovinata con la polvere di nocciola mentre il primo di pasta fresca ad opera dello chef resident di tenuta Ippocrate Virgilio Sensale aveva tanti elementi, tutti perfettamente riconoscibili e amalgamati:

Spuma di scapece e cappellaccio di grano Risciola ripieno di ricotta e scamorza…crema di caciocavallo podolico, polvere di menta, cips di zucchina, croccante di provolone dolce e paprica

Il secondo era opera dello Chef Tecchia del Line del San Cristoforo, una garanzia: guancia di manzo a bassa temperatura, con birra, bietolina novella e melissa.

Infine il dolce: una scenografica semisfera agli agrumi ad opera dello chef  Chef Carlo Starace – La Ginestra – Vico Equense NA, ottimo fino pasto

Lo spettacolo nella bella Tenuta è proseguito tra le modelle e i danzatori

sempre sotto l’accurata regia dell’instancabile Angela Merolla:

Menzione veramente sentita al maestro fornaio Fioretti e ai suoi pani e ovviamente ai vini in abbinamento, un aglianico e un fiano, prodotti dalla Tenuta Ippocrate.

Profumi dell’estate: una serata evento, una cena curata, un’esperienza di gusto e di moda.

Potrebbe interessarti:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>