Food » Se fossi una ricetta

pizzaruoto_640

La settimana scorsa avevo il frigo vuoto e la mente piena: mi ero fissata il 21 marzo come data di “debutto” di questo mio amato sito, e quindi era un lunedì senza spesa e con molti propositi. Era quasi l'ora di cena quando mi sono accorta di non avere niente pronto, e stavo per ripiegare sulla solita confezione di cordon bleu quando mi sono detta: “cominciamo bene! apro un foodblog e non cucino nulla per cena?“. Così ho deciso di prepararmi lo stesso una ricetta gustosa per festeggiarlo, nella quale piazzare gli unici ingredienti reperibili nel frigo: pancetta, formaggio e uova.

Nello stesso giorno ho letto di un Contest bellissimo che proponeva di definirsi attraverso una ricetta. Potevo non partecipare? Assolutamente no, anche perchè l'autrice è in gamba ed il contest nasce dal “Se fosse”, il gioco che adoravo fin da bambina, quando impazzava in un programma di Raffaella Carrà. E poi perchè mi è sembrato un segno del destino: avevo cucinato di fretta, senza ricetta, a tarda sera ma con molto amore, come al solito.

Quindi, se fossi una ricetta sarei la mia quiche “fantasia”, che segna l'addio all'autunno ed il benvenuto alla primavera (anche metaforicamente, s'intende).

Quiche Fantasia

La Pasta Brisé (fatta da Mé): ho preso 2 bicchieri di olio d'oliva, un bicchiere d'acqua molto fredda e circa un quarto di farina e ho impastato. Io la brisé la faccio col mixer, in pochi minuti e solitamente la lascio riposare mezz'ora (stavolta molto meno). Solo quando è già una pallottola la lavoro 5 minuti a mano e la stendo.

Il ripieno di fantasia: ho

estratto dal frigo un noto formaggio a pasta filata, della pancettina, dell'erba cipollina, del parmigiano e 4 uova. Ho tagliato a fettone il formaggio, e l'ho distribuito sulla pasta che nel frattempo avevo steso. Poi ho tritato delle noci (avanzate da Natale) e le ho sparse a profusione sul formaggio. Ho messo su una padellina e c'ho scaraventato i dadini di pancetta e l'erba cipollina tagliata piccolina (questo ha g

enerato un profumo ottimo e un paio di assaggi della sottoscritta…). Ho sbattutto le uova con pepe, poco sale e 2 cucchiai di parmigiano. Sul  formaggio ho messo la pancetta e sulla pancetta le uova sbattute e via in forno, che nel frattempo era al massimo da circa 10 minuti (è importante che sia bolente, altrimenti non gonfia.). In questa quiche non ci va la panna.

La cottura: 20 minuti a 180-200° in modalità non ventilata. (nel ruoto tondo ci va la carta forno)

Questa ricetta mi rappresenta perchè :

  • - è salata, saporita e soffice;
  • - è fatta in casa e cioè è genuina, imperfetta e cicciotella, e pur volendo non potresti trovarne una eguale nemmeno nella migliore (o peggiore) rosticceria;
  • - ha degli ingredienti sfiziosi, ma comuni ed economici che però la rendono profumata e croccante;
  • - è una ricetta versatile, che puoi servire in una cena tra amici, portare in una gita fuori porta o a un bel pic nic, mangiare fredda d'estate e tiepida d'inverno, come antipasto o come piatto unico;
  • - è pesante, poco alla moda e non troppo attenta all'estetica (purtroppo) ma è pratica, sbrigativa ed efficace;
  • - è un comfort food almeno quanto io sono una comfort girl;
  • - segna il passaggio di una stagione: le noci e la pancetta dell'autunno con l'erba cipollina primaverile e le uova, che a me ricordano sempre Pasqua…

Con questa ricetta partecipo al contest di Juls “Se tu fossi una ricetta” (sponsorizzato da Macchine alimentari) e anche se alcuni non mi conoscono sappiate che la ricetta mi rappresenta molto e mi racconta abbastanza.

Quindi…che idea vi siete fatti di me? (a parte che sono una fotografa troppo scarsa..)


The Amazing Widget System *$15k Cash Prizes* By Bryan Winters
zp8497586rq

Potrebbe interessarti:

I commenti sono chiusi.