Food » Solopizza: 40 anni di pizze a Napoli

Il locale è bello, arioso, la pizza rispecchia gli anni ’90 e l’epoca dell’inizio del boom delle pizzerie a Napoli (gli anni in cui Bill Clinton mangiava le pizze a portafoglio, per intenderci), con farciture dagli ottimi ingredienti e fritti asciutti e saporiti.

La festa per la celebrazione die 40 anni di un posto che ha cambiato la storia delle pizzerie, attraverso un locale che strizzava l’occhio alle catene di ristorazione più moderne, scardinando quindi il concetto delle tradizionali pizzerie di quartiere coi tavoli comuni di marmo o quelle storiche delle pizze a portafoglio, mantenendo comunque lo stile a ruota di carro. Negli anni, Solopizza ha contribuito ad avvicinare giovani e famiglie alla pizza, non solo a Napoli, non solo in centro.

Per questo motivo la festa, dedicate alle pizze, ma anche al menu trattorie è stata partecipata e bella: celebrare Solopizza, la prima catena di pizzerie in Italia, è stato per me indicativo di un percorso di crescita del modello delle pizzerie. Un brand che ha fatto storia e che oggi continua con successo la sua attività fra tradizione e modernità.

Per me, il primo posto dove andavo con la mamma

Dalle pizze classiche alla celebrativa Solopizza 40 con mozzarella di bufala, pomodorini del piennolo gialli e rossi, olio evo, basilico e provolone del Monaco. Fino al tocco di eccentricità della pizza “Social” ai 12 gusti. I ragazzi ne vanno matti: dodici fette, con sopra verdure, formaggi, latticini, l’impossibile insomma e uovo al centro, stile college americano. A portare gli auguri del Sindaco e a festeggiare Solopizza anche l’Assessore alle politiche giovanili del Comune di Napoli Alessandra Clemente, che ha cenato con uno dei noti imprenditori fondatori del marchio Ermanno Farnioli.

Ecco alcune immagini della serata, in cui abbiamo assaggiato:

i fritti (buonissimi!!!!)

LA MARGHERITA

LA PIZZA DEI QUARANT’ANNI con provolone del Monaco

IL TRONCHETTO

IL CALZONE FRITTO CON LA SCAROLA

ANGIOLETTI E NUTELLA

Potrebbe interessarti:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>