Food » Street food campano per Swiss Cheese Parade

dsc01497_640

Io ero di quelle che all’Università frequentava tutti i giorni, studiava diligentemente ma comunque alla fine si riduceva a ripetere pazzamente negli ultimi giorni. Così ho fatto pure per Swiss Cheese Parade: una ricetta era pronta qui da tempo, altre le ho preparate solo in queasto week end in cui  la scadenza del contest…è proprio vicina! In ogni caso, ecco il nuovo incontro tra Napoli e la Svizzera: come rivoluzionare lo street food napoletano classico attraverso i formaggi svizzeri.

Proprio il week end mi ha ispirato: ho avuto la fortuna di un tempo caldo anche se nuvoloso e da Vietri mi sono spostata a Cetara. Lì quale modo migliore di onorare il mare mangiando i meravigliosi fritti della Cuopperia del Convento della famiglia Torrente, che da quando sta a EatItaly è più conosciuta, ma non dimentica tradizioni e belle usanze, come quella di servire zeppole calde al presepe vivente dello scorso anno. E quindi non poteva essere che “cuoppo” la seconda ricetta per Swiss Cheese Parade: cuoppo di “panzarotti” con gruyere e di zeppulelle di pasta cresciuta con pezzetti di gruyere e grattuggiata di sbrinz.

Per la ricetta delle “zeppulelle“, che sono tipiche napoletane, devo dire che ho pochi ingredienti e poco procedimento: da brava napoletana, io “faccio a occhio”, ovvero mi regolo impastando ma gli ingredienti sono “a un quarto”: un quarto di farina, un quarto d’acqua, un quarto di lievito di birra e circa 4 ore di lievitazione.

Per i panzarotti, che invece sono adattati al sapore di Costiera, perchè oltre alla gruyere la farcitura è data da qualche acciuga sottolio. La ricetta dei “panzarotti” è questa, anche se anche qua si va molto “ad occhio” ma, in ogni caso, qua siamo della scuola secondo cui nel crocchè ci va solo il formaggio e non i salumi (in questo caso ho osato inserendo, appunto, l’acciuga, che però ci stava benissimo).

Che dire? io friggo poco, per la linea e per salvaguardare il mio salotto-cucina, ma ogni tanto fregarsene è davvero un obbligo!

 

Potrebbe interessarti:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>