Food » Tarallucci e vino: l’aperitivo-spettacolo a Pagani

IMG_1502

Metti piccole eccellenze territoriali, dal Panettiello di Filippo Cascone, ai taralli di Malafronte, che danno il nome alla rassegna, insieme al vino, ben rappresentato da Santacosta. Aggiungi la bontà della pizza di scarole dell’Osteria La Pignata di Bracigliano, unita a quella della Pastiera Lievitata del Maestro Alfonso Pepe di Sant’Egidio del Monte Albino e ai magici liquori di Alma de Lux e avrai un aperitivo di eccellenza, organizzato in maniera infallibile da Nunzia Gargano con il suo Ritratti di Territorio, presso il Teatro Sant’Alfonso di Pagani insieme a Casa Babylon per Scenari Pagani.

Nunzia è una giornalista enogastronomica, una docente, una ricercatrice di storia, una scrittrice e un’organizzatrice di eventi, una talent scout di piccoli artigiani che diventano ben noti per i loro manufatti, ma che solitamente lei scova prima. Ma soprattutto è un’appassionata e chi fa le cose con cura e amore per la propria terra viene giustamente premiato: ho visto un teatro pieno di persone che mangiavano con gusto, senza accalcarsi al buffet ma degustando con gioia i prodotti scelti, apprezzare il teatro, fermarsi a discutere, a chiacchierare, a scambiarsi aspettative prime ed opionioni poi. E osservare tutto questo era bello, ci ricordava che Sud e Dieta Mediterranea non possono prescindere dal Mediterranean Way, ovvero dal nostro modo di passeggiare e parlare.

In questa occasione è stato anche presentato il nuovo liquore al pomodoro del piennolo di Alma de Lux, che ho avuto il piacere e l’onore di assaggiare e che mi ha colpito.
Il pomodoro è una pianta non storicamente mediterranea ma che è ormai l’emblema del Sud, tanto che a Le Strade della Mozzarella ne celebreranno l’abbinamento con la pasta ben 7 cuochi stellati.

Infile, lo speattacolo provocatorio, dissacrante e perciò veramente dolce di Leo Bassi. Ho avuto parecchi abbonamenti, a diversi teatri cittadini, ma lo spettacolo di Bassi mi ha colpito per la freschezza, l’innovazione e la carica dell’insieme.

Un plauso quindi all’intero insieme delle scelte artistiche: la provincia batte la città 10 a 0, dimostrandosi più aperta, più all’avanguardia, più innovativa, più appassionata.

Potrebbe interessarti:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>