Food » Trattoria Don Peppe al Centro Commerciale Campania

donpeppemenu

Il Centro Commerciale, definito un “Nonluogo” è comunque un posto “popolare”, nel senso che è adatto ai ragazzini che trovano un posto “chiuso” dove incontrarsi e uscire, alle famiglie con i bambini, che possono passeggiare con i passeggini e senza traffico, agli anziani che possono ripararsi dal freddo e dal caldo e riposarsi sulle panchine.

Un’utenza quanto mai eterogenea, che ha esigenze diverse e spesso anche una disponibilità economica ben calibrata. La sfida di dare qualità a prezzi contenuti, di accogliere una sala con varie necessità, di reggere ritmi sostenuti con un ampio numero di coperti, non è da poco.

Questa sfida è stata accolta da Don Peppe Trattoria, presente al Centro Commerciale Campania  e anche in altri due centri commerciali in Veneto (presto anche in altri posti nel Lazio).

Una sala gestita molto bene dai camerieri presenti, pensata per avere una connotazione precisa anche se, appunto, siamo in un Centro Commerciale. E invece c’è Napoli, il bellissimo presepe, i lampioncini.

Il servizio attento ha fatto sì che quello che altrove si rivela un fallimento -ovvero svolgere contemporaneamente una presentazione stampa e un normale servizio serale- sia stata una passeggiata.

E così abbiamo assaggiato il “Menù Natalizio”, che ci è stati presentato insieme ad una bella e lodevole iniziativa, e a una pizza fuori menu: la Pizza Pascalina (con friarielli) a favore del Pascale:

Il menù natalizio pure contiene un’iniziativa di beneficenza: per ogni piatto previsto dal menù, verrà devoluto un euro da donare in beneficenza.

Oltre a fare del bene, il menù era buono e ben articolato:

ottima in particolare la pizza “Bosco d’Autunno” con funghi porcini, castagne, guanciale del salumificio “Santoro”, tartufo e scaglie di parmigiano,

a cui è seguito un:

risotto allo zafferano con ragù bianco di costina di maialino nero, fonduta di provola e papaccelle con fiori eduli,

e per chiudere abbiamo assaggiato una selzione di dolci del locale, tra cui c’era anche il dolce di Casapesenna “RoccoBabbà

Potrebbe interessarti:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>