Food » L’arte del pizzaiolo napoletano patrimonio dell’Umanità

pizza

Tutti sanno di questa mia passione per la pizza. Mi piace sentire l’odore della legna che arde nei forni, mi piace vedere stendere il panetto, morbido e bianco, che diventa un disco leggero. Mi incanto ad osservare il pomodoro colare, il filo d’olio, la foglia di basilico, i gesti della pala nel forno.

E, soprattutto, in tutti questi anni ho raccolto volti e storie di giovani, anziani, esperti, artigiani: mi hanno raccontato tutti che il pizzaiolo è un mestiere stancante e difficile (il calore del forno, in piedi fino a notte fonda) ma che adesso si sentono gratificati, perchè riconosciuti e apprezzati dalla città, dal mondo, dalla stampa.

Ad AVPN, lunedì, parleranno anche di questo! Ci sarà poi una statua, una festa in piazza mercoledì 14 e tanto altro.

Ecco il comunicato stampa:

La statua del “Pizzaiolo Verace” è il regalo dei pizzaioli napoletani alla città di Napoli per festeggiare il riconoscimento dell’Unesco.
“La decisione odierna dell’Unesco di riconoscere l’arte del pizzaiuolo napoletano come patrimonio immateriale dell’umanità – dichiara Antonio Pace, presidente AVPN – rappresenta una pietra miliare nella storia, lunga e travagliata, di questa fantastica professione. Questo riconoscimento tanto atteso è qualcosa che ci inorgoglisce e gratifica l’impegno di tutti i pizzaioli napoletani che con il loro prezioso lavoro, anzi da oggi dirò con la loro arte, hanno saputo valorizzare un territorio, un prodotto e le caratteristiche di un popolo”.
Per festeggiare questo momento storico insieme a tutti i pizzaioli e alla città di Napoli, l’Associazione Verace Pizza Napoletana e l’Associazione Pizzaiuoli Napoletani hanno chiesto ad un grande artista di realizzare una statua in bronzo, alta oltre 2 metri,
che diventerà il simbolo anche per le future generazioni di questo prestigioso riconoscimento mondiale.
Tutti i dettagli saranno comunicati in una conferenza stampa congiunta che le due Associazioni, la Fondazione Univerde insieme ad istituzioni locali e nazionali e ai
promotori della candidatura hanno indetto per lunedì 11 dicembre alle ore 11 presso la sede dell’AVPN in Via Capodimonte 19a – Napoli. L’incontro sarà l’occasione per
parlare delle attività che si potranno sviluppare congiuntamente alla luce del riconoscimento Unesco e per comprendere gli sviluppi futuri della professione del
pizzaiolo.
“Abbiamo già chiesto al Comune di Napoli – dichiara Lello Surace, Vice Presidente AVPN – la disponibilità di una piazza importante e simbolica dove poter posizionare l’opera di cui ci faremo interamente carico insieme ai nostri affiliati e
partner”. Arte del pizzaiolo napoletano è anche formazione: “Questo successo è il frutto - dichiara Massimo Di Porzio, Vice presidente AVPN – dell’attività svolta dall’Associazione che, sin dal 1984, ha definito, valorizzato e insegnato la professione
del pizzaiolo. Abbiamo sempre sostenuto che il mestiere e i rituali che ci sono dietro ogni pizzaiolo vanno difesi e valorizzati con un’adeguata formazione e soprattutto spiegando il perché di ogni gesto. Nella nostra scuola oggi, si insegna l’arte del pizzaiolo napoletano e il suo valore.”

Potrebbe interessarti:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>