Il mondo Mamà: dai burger alla pizza

mamà

Mamà è una parola dolce: rievoca la mamma, le labbra si baciano per dirlo, la ricordano tutti. Ma soprattutto è un mondo gastronomico nato da un sogno. vi ci porto.

Mamà è un mondo gastronomico nato dal sogno di Vittorio Di Benedetto, che ha iniziato con gli hamburger per poi ampliarsi alla pizza in teglia, a quella tonda e presto anche al sushi e alla ristorazione gourmet. Prima di raccontarvi una storia, la sua storia, voglio mostrarvi le foto dei panini che ho assaggiato a Santa Maria Capua Vetere, dove vi consiglio di andare e/o ordinare un panino al più presto, che qui sono maghi del delivery.

Quando, prima di accettare l’invito, sono andata a scoprire il mondo Mamà, avevo dato una sbirciata alle pagine Instagram di Mamà Burger Passion.

Devo essere sincera, pensavo che ci fosse foodporn, che è una tendenza gustosa, ma non sempre in linea con le mie corde: la lascio ai più giovani (e con invidia ai più magri).

Ecco, sono stata smentita: da Mamà c’è foodporn, ma c’è anche e soprattutto qualità, cura, attenzione.

Così, troverete panini bombastici, ma anche una parmigiana di melenzane fatta veramente come da mammà.

Ho assaggiato anche i fritti, asciutti, gustosi, con degli straccetti di pollo davvero di mio gusto perchè la carne, qui, è tutta ben scelta, con un hamburger di scottona che pure mi ha colpito:

Tutto, ad eccezione delle patatine, è fatto a mano: ogni singolo pezzo di rosticceria, ogni panino, ogni panino, fatto da un cugino panificatore di Vittorio.

Già, Vittorio: avevo promesso di raccontarvi tutto di lui, e lo farò, perchè la sua storia merita; Vittorio è un trentenne che ad oggi ha un locale prossimo all’apertura nel centro di Caserta, un locale a Gaeta, una pizzeria di 200 coperti, dove ha sperimentato il “suo” impasto con ottimi risultati, un localino di pizza in teglia, un locale che pure sta aprendo a Santa Maria ed infine il Burger Passion dove sono stata e dove si sono messe le fondamenta di questo sogno gastronomico, come leggete dal neon:

Anche lo spazio esterno è molto accogliente e tra stufe e plaid permette di cenare anche in un buon pomeriggio autunnale.

Una menzione la vorrei fare su due aspetti sempre più centrali nell’esperienza di ristorazione, da quella veloce a quella più gourmet: il servizio e il conto.

Servizio attento, con possibilità di chiamare con un click dal tavolo i camerieri, e conto onestissimo!

Basta prenotare ai numeri sempre attivi, perchè Vittorio vi risponde di persona, ancora curando ogni singola telefonata dei suoi locali.

Vittorio viene da una lunga storia nella panificazione, è figlio d’arte, ma ha anche subito il fallimento dell’attività di famiglia e ha trovato, con sacrificio e tenacia, la capacità di rialzarsi e immaginare il futuro, nel territorio a cui è da sempre legato.

Da Mamà ogni cliente conta, perchè Vittorio si ricorda che è grazie alla scelta di ciascuno che il suo sogno è nato, è cresciuto e si sta espandendo, in un periodo come questo attuale, in cui non è facile restare attivi nella ristorazione. Per questo consiglio il mondo Mamà: rispettano le regole, gli ingredienti e le persone. Costruiscono futuro giorno, dopo giorno perchè ci credono.

Sono certa che, complice una comunicazione ancora più studiata, opera di una seria professionista, li porterà presto nei migliori panini della Campania.

Andate di persona e mi darete ragione!

Pubblicato in Food | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

28 settembre 2020: Cenando sotto un cielo diverso

Alla conferenza stampa nella suggestiva location di Villa Imperiale a Marechiaro, abbiamo finalmente scoperto il tema di Cenando sotto un cielo diverso, la manifestazione enogastronomica a scopo benefico che Alfonsina Longobardi, psicologa, organizza da oltre un decennio.

Il tema di questa edizione è:

Il Buono dopo la tempesta

e si può facilmente intuire il perchè: il claim di questa edizione si riferisce alla tempesta è il COVID-19 e tutto quello che ha portato con sè: malattia, isolamento, dolore… “Ci eravamo dimenticati della natura, degli uomini e delle vigne, delle foreste, dei fiumi, della tutela della salute. La libertà negli ultimi tempi si era trasformata in senso di onnipotenza - commenta Alfonsina Longobardi, durante la conferenza stampa

“Cenando sotto un Cielo diverso” è un evento con una triplice finalità: beneficenza, valorizzazione del territorio e dei suoi prodotti (e, dunque, della buona cucina ad essi direttamente legata). Esso coinvolge – in qualità di protagonisti ai fornelli – cuochi, pizzaioli, pasticceri, produttori del territorio campano. I numeri sono da capogiro: 140 chef cucineranno nella meravigliosa location di Villa Almaplena, Lunedì 28 settembre h 20. È possibile acquistare in prevendita il ticket di ingresso o la sera dell’evento alla simbolica cifra di 30 euro.

Tanti gli ospiti che interverranno: oltre alla parte gastronomica previsti infatti la cantante Veronica Rubino (componente delle “Lollipop”), il “cuoco stripper” Mirco Di Centa, Il cantautore Michele Selillo, il modello Nicola Coletta,  la show girl Rosanna Romano, l’attore Cosimo Alberti. 

Noi siamo già tutti pronti!!!!

 

Pubblicato in Food | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

La Mela Stregata: porto sicuro a Napoli, Piazza Vittoria

Iniziare una nuova avventura è sempre una sfida avvincente.

Ma quando la nuova avventura è nel “quartiere gastronomicamente più interessante” di Napoli e soprattutto hai già contemporaneamente un locale di successo, allora la sfida è ancora più interessante.

Parlo della Mela Stregata, che ha aperto a Via Arcoleo, vicino Piazza Vittoria, di fronte alla storica sede de Il Mattino di Via Chiatamone in un posto che, come ha raccontato il giornalista Franco Buononato durante la cena, aveva ospitato già decenni fa una storica trattoria, rifugio sicuro dei giornalisti.

Ora questa zona è soprattutto battuta dai turisti e generalmente caratterizzata da buone pizzerie, ristoranti di alto livello ma scarsi “porti sicuri”, ovvero ristoranti di cucina tradizionale ma non “addomesticata”. O, almeno, in una zona per me familiare, visto che la frequento tutti i giorni per lavoro, questo è quello che vorrei io da un ristorante: che non sia eccessivamente instagrammabile e fashionista, ma nemmeno che sia old style, che non mi dia da mangiare piatti precotti preparati in anticipo per turisti frettolosi.

Un ristorante che dia ristoro: buona cucina, buona accoglienza, buon ambiente

Ecco, finalmente questo posto esiste in centro esiste e si chiama La Mela Stregata.

Una buona sala, organizzata in maniera attenta e professionale, uno chef giovane con una mano sicura sul baccalà, una materia prima di ottima fattura e poi il cavallo di battaglia, tra i più buoni mai mangiati, paragonabile alle più famose in città o forse addirittura superiore!!!

Sto parlando della Zuppa di cozze, qui eseguita in maniera MAGISTRALE:  pane croccante alla base,  pomodoro saporito e peperoncino ben dosato. Da oggi in poi la zuppa di cozze ha un nuovo riferimento stabile in città, zona Chiaia: La Mela Stregata.

Se volete mangiarla, preparatevi: è davvero in una mega porzione da mangiare avvolti nel bellissimo bavaglino!

L’altro colpo da maestro di questo ristorante dà il titolo al locale id Napoli e a quello di Lusciano: la Mela Stregata è un dolce di Santina di Mauro, particolare, buonissimo, da solo vale il viaggio.

Insomma, oltre a queste due specialità imperdibili segnalo alcuni piatti, a base di baccalà, provati durante la cena di presentazione e tutti molto convincenti:

Carpaccio di baccalà agli agrumi, pepe rosa e mela annurca caramellata

Mantecato di baccalà con scarola liquida e crostone di pane cafone

Tre “B” – Baccalà, barbabietola e bacon croccante

Primo piatto:

Spaghetti con baccalà e panura saporita

Da oggi in poi se mi chiedete dove mangiare la zuppa di cozze o un buon dolce, la risposta la sapete già.

 

Pubblicato in Food | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Vesuvio e dintorni al Bagatto

ricettevesuvio

Stasera, 16 luglio, la mia amica nunzia Gargano e il suo splendido libro “Le ricette del Vesuvio” vi aspettano in un evento imperdibile a Il Bagatto di Pagani.

WhatsApp Image 2020-07-07 at 20.05.36

Pronti, partenza, via… Da un’idea di Silvio Iaquinandi, patron di “Dimora Il Bagatto”, in collaborazione con “Ritratti di Territorio”, il progetto culturale della giornalista Nunzia Gargano, è nato “Vesuvio e Dintorni”. L’evento si svolgerà giovedì 16 luglio, alle 20.30, presso la struttura di via Termine Bianco in Pagani. Un’occasione per ripartire tutti insieme e provare a dimenticare le dure prove a cui ognuno di noi è stato sottoposto a causa della chiusura totale della nazione nel pieno rispetto delle regole del distanziamento fisico e sociale. Sarà delineato un percorso culturale-enogastronomico alla scoperta dei gusti nostrani. Sedici compagni di viaggio tra chef, produttori, maestri pasticcieri e ristoratori che si ispireranno al libro di Nunzia Gargano, “Le ricette del Vesuvio”, edito dalle Edizioni dell’Ippogrifo, coprotagonista della serata. Un manoscritto che è un vero e  proprio viaggio sulle vie delle tradizioni culinarie di tre zone campane: Agro Nocerino-Sarnese, Agro Vesuviano, Monti Lattari.
[20:05, 7/7/2020] Nunzia Gargano: Costo degustazione: 35,00 €
Per info e prenotazioni
Dimora Il Bagatto – Via Termine Bianco (VI Traversa)
Tel. 081957686 – 3391861993

Pubblicato in Food | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento