Food » Chi fa da se fa per tre: fagottini al formaggio

fagottini1

Questo è un periodo strano, ricco di cose e nello stesso tempo molto tranquillo, un pò agitato, con qualche ansia, ma anche con tante soddisfazioni.

So già che c’è chi penserà che la facc

viagra buy

io difficile, chi invece penserà che sono la solita fortunella, l’impareggiabile lagnona, la stupida credulona…è difficile giudicare le persone, in certi particolari momenti e bisognerebbe rinunciarci sempre, mentre c’è chi è sa fare solo a questo!

Ecco quindi che in una giornata calda ed intensa io mangerei rustici appena sfornati o almeno un’ottima Parigina (non sapete cos’è? è un’ottima pizzetta che si vende a Napoli, a tutte le ore ed esclusivamente nei bar e non nelle pizzerie o nelle tavole calde). Così alla fine decido e penso che tanto vale che dei fagottini me li faccia da sola, per placare la mia voglia di buono, di piccole cose salate e graziose da accompagnare all’ultima scoperta in tema di gelati: i Maxibon Pops (ottimi, veramente speciali!). Così, partecipo alla bella raccolta delle Minitentazioni di Diario della mia cucina con il motto “chi fa da sé fa per tre”. che io quelli che desiderano e non si attivano per avverare i loro desideri proprio non li sopporto! Qui, quando vogliamo uan cosa siamo abituati a faticare e realizzarla, mica a piangerci addosso ed invidiare gli altri! (e a buon intenditor, poche parole…).

Fagottini al formaggio

Ingredienti

Pasta sfoglia (per me dal banco frigo)

mandorle a lamelle

sesamo

150 gr di gruviera

150 gr di fontina

1 tuorlo d’uovo (per spennellare)

Procedimento

Prendete la pasta sfoglia dal frigo e nel frattempo accendete il forno alla massima temperatura in modalità non ventilata. Tagliate il formaggio a pezzettoni e create con la pasta sfoglia dei rombi, all’interno dei quali posiziate il formaggio. richiudete, spennellate d’uovo e sopra decorate con i semi di sesamo e le lamelle di mandorle per distinguere i due gusti diversi.

Per creare un gusto particolare, ho inserito anche del timo fresco, dei gherigli di noce, e in alcuni casi una goccina di miele..il segreto del sapore, infatti, è nel profumo e nell’aroma che si riesce ad infondere

al fagottino!

Potrebbe interessarti:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>